Tu sei qui: home > Diario dall'Egitto
Diario dall'Egitto
03-04-2012 3 aprile 2012 - una corsa presi-demenziale (news n. 298)

Breve aggiornamento dall'Egitto. La situazione è sempre incandescente, sia per quanto riguarda l'Assemblea Costituente sia per quanto riguarda la corsa alle presidenziali... a cura di Elisa Ferrero.

Cari amici e amiche,

dopo al-Azhar, hanno abbandonato la Costituente anche la chiesa ortodossa, i copto-evangelici e il partito Wafd (spesso alleato con i Fratelli Musulmani). Il Consiglio Consultivo, invece, ha reso noto un suo comunicato, nel quale ha chiesto al Consiglio Militare di emanare una dichiarazione costituzionale complementare, per definire i criteri di nomina della Costituente e quindi rifare tutto.

E i Fratelli Musulmani cosa rispondono? Niente, vanno avanti ovviamente. Anzi, si comportano come se avessero già vinto anche le presidenziali. Al Cairo, oggi, è giunta una delegazione del Congresso americano e indovinate chi ha incontrato? Khairat al-Shater, il boss della Fratellanza, ora loro candidato ufficiale alla Presidenza. E le altre forze politiche? Anche se non c'è prova di un accordo tra Usa, militari e islamisti sulla Presidenza, mi sembra comunque evidente che agli americani, adesso, i Fratelli Musulmani vanno benissimo come partner politici (ed economici, probabilmente, visto l'amore condiviso da entrambi per il libero mercato). E i diritti delle minoranze, delle donne, di tutti gli esseri umani che non la pensano come gli islamisti? Pazienza! Ancora una volta e una volta di più. L'importante è la "stabilità" in Medio Oriente e, per ora, i Fratelli Musulmani sembrano garantirla. Inutile dire, però, che questa stabilità durerà poco, se gli islamisti al potere continueranno a comportarsi come negli ultimi tempi. Sempre più persone sono deluse dalla loro mancanza di etica politica.

A proposito di islamisti... Continua anche la polemica sulla nazionalità della madre del candidato salafita Hazem Abu Ismail. Lui nega, dicendo che è la sorella a essere americana, mentre la madre avrebbe solo la green card. La commissione elettorale, tuttavia, dice di avere in mano copia del passaporto americano della madre e in Amercia girano voci che sia proprio così.

Meno male, però, che oggi è entrato in corsa un altro, determinante candidato, che potrebbe ribaltare di nuovo la scena politica: è Saad al-Soghayar, cantantucolo diventato famoso per una canzone dal titolo "Ti amo, somaro". A parte gli scherzi, i sondaggi danno ancora in testa Amr Moussa, seguito (ahimé) da Abu Ismail e Ahmed Shafiq (doppio ahimé). Poi, si piazzano Omar Suleyman (sempre che si candidi, perché la notizia viene smentita e riconfermata a giorni alterni) e Abdel Moneim Abul Fotouh. Quest'ultimo, dopo il ritiro di el-Baradei, sta radunando attorno a sé il sostegno di molti liberali e copti, nonostante il suo background islamista (progressista). Tuttavia, il sondaggio non tiene conto di Khairat al-Shater.

Un saluto affettuoso,

Elisa Ferrero

indietro...

Gli approfondimenti di Paralleli
Le iniziative di Paralleli
Le pubblicazioni di Paralleli
Pubblicazioni di Paralleli

Le attività di Paralleli
sono sostenute dalla

Compagnia di San Paolo

Paralleli è co-coordinatore
della rete italiana e coordinatore
della rete piemontese
della Fondazione Anna Lindh.

Fondazione Anna Lindh

Cerca
Cerca nel sito
cerca...
Agenda
Nessun record.

Iscriviti alla Newsletter Istituto Paralleli Newsletter

RSS
RSS

Osservatorio Balcani Maghreb Econostrum
Marenostrum
MED governance
Jeunesrm
Babelmed
Babelmed

Paralleli - Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest

Sede legale: via La Salle 17 - 10152 Torino
Sede operativa: via Vanchiglia 4/E - 10124 Torino
email info@paralleli.org