Tu sei qui: home > Politiche euromediterranee
Area: Politiche euromediterranee

Paralleli opera sulle politiche euromediterranee con l'obiettivo di valorizzare - nelle relazioni, nei progetti e nelle iniziative pubbliche - l'area del Nord Ovest come snodo importante nelle relazioni tra l'Europa e i paesi terzi mediterranei.
L'approccio a questi temi non può che essere complesso, con l'obiettivo di promuovere da una parte le relazioni con le Istituzioni, e dall'altra con gli attori e i soggetti più importanti della società civile.

Paralleli crede che le Regioni, in particolare quelle dell'Europa mediterranea, e gli interlocutori istituzionali decentrati negli stati terzi mediterranei, debbano e possano svolgere un ruolo incisivo nel costruire, gestire, implementare politiche euro-mediterranee.
E' altresì convinto che sia fondamentale il ruolo di regia, di iniziativa politica e di raccordo che può essere gestito e avviato dalla UE e dalla Commissione europea. Crede, inoltre, che le relazioni tra gli stati delle diverse rive siano necessarie e insostituibili.
Questi diversi apporti politici possono aprire spazi, opportunità di progetti, facilitare il movimento di risorse (finanziarie, umane, tecnologiche, culturali, ecc.). L'intervento delle Regioni potrebbe ampliare le possibilità di tali iniziative, coordinare e indirizzare gli attori economici, politici e culturali del territorio.

In questi snodi Paralleli ha l'ambizione di:

  • collocare il proprio contributo di proposta, studio, approfondimento, informazione;
  • lavorare perché gli attori si incontrino, partecipino, collaborino;
  • sollecitare le reti di cui fa parte perché dispieghino le loro potenziali convergenze e possano arricchire i ruoli istituzionali esistenti.

Le policies possono favorire questi apporti, facendone un volano utile di sviluppo, di partecipazione democratica, di creazione e miglior distribuzione di nuova ricchezza.


News dell'area

Dal 30 giugno al 4 luglio 2014 si terrà a Torino la prima edizione della Summer School TOMidEast "Understanding the Middle East. Political Change and Continuity", organizzata dal Dipartimento di Culture, Politica e Società dell'Università degli Studi di Torino con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

Il 17 giugno si è tenuto a Barcellona il lancio ufficiale del nuovo programma dell'Unione per il Mediterraneo 'Logismed', con il sostegno dell'Ue. Logismed è un progetto del valore di 3 milioni di euro per un periodo di quattro anni e sarà realizzato dalla Banca europea d'investimenti (Bei).

A luglio l'Ue ha firmato con l'Algeria un memorandum di intesa sull'energia stabilendo un quadro di cooperazione che copre idrocarburi, rinnovabili, efficienza energetica, la riforma di norme e regolamenti, la progressiva integrazione dei mercati dell'energia, lo sviluppo delle infrastrutture di interesse comune, il trasferimento di tecnologia e lo sviluppo locale.

Oltre 385 milioni di dirham (35 milioni di euro) in arrivo dall'Unione europea in Marocco per la seconda fase del programma Spring. Secondo quanto riferisce il sito di Enpi (www.enpi-info.eu), i fondi dovranno essere destinati a progetti legati alla trasformazione democratica e al rafforzamento delle istituzioni, ma anche a una crescita economica sostenibile.

Il nuovo partenariato mediterraneo per l’ingegneria: ad Ankara rilanciata la cooperazione nell’ambito dell’Unione per il Mediterraneo.

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Sistema di asilo comune europeo (Ceas), progetto al quale l'Ue lavora dal 1999 al fine di introdurre elevati standards comuni e una cooperazione più forte tra Paesi membri per assicurare ai richiedenti asilo un trattamento equo. Sulle normative si è espresso un gruppo di network europei impegnati sul tema del diritto d’asilo attraverso una dichiarazione che smorza gli entusiasmi.

leggi tutte..

Gli approfondimenti di Paralleli
Le iniziative di Paralleli
Le pubblicazioni di Paralleli
Pubblicazioni di Paralleli

Le attività di Paralleli
sono sostenute dalla

Compagnia di San Paolo

Paralleli è co-coordinatore
della rete italiana e coordinatore
della rete piemontese
della Fondazione Anna Lindh.

Fondazione Anna Lindh

Paralleli - Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest

Sede legale: via La Salle 17 - 10152 Torino
Sede operativa: via Vanchiglia 4/E - 10124 Torino
email info@paralleli.org